Benvenuti

Benvenuto Benvenuti

Con Benvenuto Benvenuti continua la tradizione macchiaiola su cui si innestano gli accenti lirici-crepuscolari della lezione dell'amato maestro Vittore Grubicy De Dragon, grazie alla cui influenza e frequentazione, l'artista livornese acquisterà un ruolo di primo piano all'interno del Divisionismo italiano. Benvenuti e Grubicy sono presenti nella collezione con un corpus molto ricco di opere. Il nucleo più importante è frutto della donazione pervenuta alla Fondazione nel 2001. Protagonista del grande atto di generosità fu il dott. Ettore Benvenuti, figlio ed ultimo erede del pittore, che, resistendo alle pressioni di mercanti e collezionisti, con un atto clamoroso decise di cedere 30 dipinti e 80 disegni di Grubicy per far conoscere alla città e agli studiosi l'artista, il gallerista, il mercante, il critico d'arte e il mecenate che aveva accompagnato il percorso artistico e intellettuale di suo padre. Dal 2001 ad oggi molte altre opere di Benvenuti e Grubicy sono entrate a far parte della raccolta della Fondazione che ha ormai assunto una valenza di dimensione internazionale per gli studiosi dell'arte degli inizi del Novecento e in particolare per la storia del divisionismo italiano.

Info

  • Autore: Benvenuto Benvenuti
  • Titolo: Autoritratto (1913)
  • Tecnica: matita su carta
  • Dimensioni: cm 99x68